Selling the invisible di Harry Beckwith

Uscito nel 1997, Selling the invisible è diventato un classico per chi lavora nel marketing dei servizi.

Harry Beckwith spiega passo per passo, in modo chiaro e con esempi, che vendere un servizio intangibile, invisibile, non è più difficie o diverso che vendere un prodotto che si può toccare. Non importa avere tanti soldi per fare del buon marketing nei servizi: servono coerenza, integrità, un progetto e (almeno) un’idea.

Un libro che andrebbe riletto di tanto in tanto, perché, tra l’altro, riporta la creatività a una dimensione funzionale e di buon senso, nella realtà quotidiana delle aziende medio piccole.

Mi piace chiudere citando questo consiglio di comunicazione che, ormai da anni, seguo fedelmente:

Don’t use adjectives. Use stories.

Buona lettura!

Informazioni su Marco Fossati

Ideawriter.
Questa voce è stata pubblicata in Parole e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...