Dove cavolo inserire le keyword (promemoria ad uso personale)

Marco, questa breve lista sul posizionamento delle keyword la devi tenere sempre a portata di mano. Non te la dimenticare nel cassetto o sotto la solita pila di scartoffie. Dammi retta, fai questo: appendila al muro davanti alla tua postazione. Ecco così, bravo. Ogni tanto buttaci un’occhiata, per ripassarla mentalmente. E’ l’abc del seo copywriting e serve a non dare nulla per scontato. Va seguita e basta, questa lista, possibilmente in modo completo ogni volta che scrivi i testi web per i tuoi clienti.

Ovviamente non devi essere ossessionato dal seo, quando scrivi…perché un brutto testo zeppo di keyword non lo leggerebbe nessuno. Neanche i robottini di google, come spiega Matt Cutts in questo video. Perché per google ciò che conta veramente sono i contenuti: freschi, originali, corretti, utili. Perché le persone cercano i contenuti mica un testo così così anche se ben ottimizzato per il seo.

 

Un buon contenuto scritto secondo le regole del web writing, Marco, è più potente delle sue keyword. E’ una prodigiosa calamita per google e per i lettori affamati di contenuti. E poi ricorda che un guru come Ginny Redish ha scritto un libro, Letting go of the words, dedicato alla scrittura web, in cui non viene assolutamente citato una sola volta il termine seo.

Adesso basta tirarla in lungo, stàmpati la lista e usala. Con giudizio e un pizzico di creatività ma sempre privilegiando il content.

  • Inserisci la parola chiave nel tag title, tag description, tag keywords, tag alt e nell’anchor text
  • Inserisci la parola chiave in un <h1>, <h2> e / o tag <h3>
  • Inserisci la parola chiave nelle prime venticinque parole della pagina (prima è meglio è)
  • Inserisci la parola chiave nelle ultime venticinque parole della pagina
  • Metti in grassetto la keyword almeno una volta nella pagina
  • Metti in corsivo o sottolineato le parole chiave almeno una volta nella pagina

Infine: un ottimo modo per avere le keyword nelle ultime venticinque parole è aggiungerle nel footer dopo il copyright. Ad esempio, “© 2012 nome del sito. Keyword del sito.” Aggiungere la parola chiave in questo modo è abbastanza naturale e passa quasi inosservato.

Video grazie a Contenuti Web.

La mini-lista è tratta da Seo made simple, libro di Michael Fleischner.

Informazioni su Marco Fossati

Ideawriter.
Questa voce è stata pubblicata in Strumenti e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Dove cavolo inserire le keyword (promemoria ad uso personale)

  1. Alessandro ha detto:

    Davvero un ottimo vademecum, tanto sintetico quanto utile!
    Il colpo di genio delle keyword dopo il copyright non lo conoscevo: lo proverò senz’altro!

    Mi piace

  2. Marco Fossati ha detto:

    E’ farina del sacco di Michael Fleischner🙂

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...