Scrivere la brochure, secondo il copywriter di Monza -2

La copertina è il gancio

Studio la copertina come se fosse una pagina pubblicitaria teaser. Cerco un’idea che catapulti l’attenzione nelle pagine interne. Deve essere un’idea semplice che accompagna la sequenza degli argomenti, pagina dopo pagina. Un po’ di originalità è necessaria per farsi sfogliare.

(Caro imprenditore, fidati del copywriter e dell’art director: son loro gli esperti in comunicazione, creatività, storytelling. Quando vai dal dentista per un’otturazione lasci fare a lui, non gli dici come provvedere alla medicazione… ecco fai lo stesso con il copywriter e l’art director, trattali come il dentista o come l’idraulico che viene a sistemarti la caldaia per l’inverno).

Allineamento al brand

Mi sforzo di interpretare correttamente il tono di voce, il posizionamento e la verità dell’azienda/marca.

Dritto al punto: farsi leggere

Evito come la peste la tendenza all’auto-celebrazione (a meno che la brochure sia concepita proprio per festeggiare qualche significativo anniversario o traguardo aziendale, ma anche in questo caso procedo con giudizio).

Combatto fino all’ultima virgola contro il corporatese. Spingo per un linguaggio concreto: spero che il cliente condivida la mia stessa sensibilità, altrimenti cerco di portarlo sulla retta via. Non sempre è garantito l’happy end.

Scrivo applicando le buone pratiche. Per il testo: precisione, correttezza grammaticale e sintattica, gergo tecnico con oculatezza, leggibilità grafica e tipografica, scorrevolezza, eccetera.

Per l’obiettivo di marketing: aderenza al brief, wiifm, usp, AIDA, benefici/soluzione a problemi, caratteristiche del prodotto/servizio, testimonianze vere, case study condensati, eccetera.

Ogni ofelè al fa el so mestè*

Caro imprenditore, se non hai tempo, o credi di saper scrivere, lascia perdere. Per la tua brochure rivolgiti a un copywriter (web writer): i vantaggi di un professionista della scrittura sono molteplici. Ti potrà garantire:

  •     punto di vista esterno
  •     conoscenza ampia e aggiornata (altri mercati, altre soluzioni)
  •     competenza (nello scrivere per obiettivi)
  •     creatività
  •     versatilità
  •     velocità di esecuzione

Insomma: più benefici che costi. E ricorda che una brochure di buona qualità ha lunga vita e puoi sfruttarla in tanti modi diversi: presentazioni, gare, eventi, pr, web, eccetera.

Seth Godin, la brochure e il copywriter di Monza

Nel post intitolato Q: What do you think of my brochure, Seth Godin è tranchant sulle possibilità comunicative delle brochure: non le legge nessuno!
E ammesso che qualcuno se le fili, servono a poco.

Però, se proprio non vuoi rinunciare alla tua brochure, il guru suggerisce quanto segue:

  •     spendi il triplo o dieci volte tanto in carta e design (se no, ciccia)
  •     usa testimonial, con foto e caption
  •     falla così interessante/divertente che chi la legge vuole portarla agli amici
  •     fatti non bla-bla
  •     non dire tutto, fai in modo che debbano comunque parlare con te

Come non essere d’accordo col grande Seth?!

Un’ottima raccolta di risorse in rete è curata da text-centric.

*In dialetto milanese, il senso è: a ciascuno il suo mestiere.

Informazioni su Marco Fossati

Ideawriter.
Questa voce è stata pubblicata in Strumenti e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Scrivere la brochure, secondo il copywriter di Monza -2

  1. Marco. Imprenditore, brochurista e dental coach. ha detto:

    Brief, ce l’ho. Wiifm, manca. Usp, manca. AIDA ce l’ho. Due pari palla al centro.
    Quanto al grande Seth e al renderla divertente, io in prima di copertina ho messo una mia foto sul campo da tennis. Ridono tutti e mi dicono che con la brochure ci ho saputo fare più che con la racchetta. Ma io so che sono molto bravo con entrambe.
    Ora vado dal dentista per dargli due dritte su come farmi un’ otturazione. Va a finire che sul mio bigliettino mi tocca mettere “brochurista e dental coach”.

    Mi piace

    • Marco Fossati ha detto:

      la nicchia dei dentisti può risultare molto profittevole… tu gli fai la brochurina lui ti rifà l’arcata superiore…tutti contenti…ma anche l’idraulico ha il suo perché: intanto di idraulici ce n’è meno dei dentisti, costano oro come i dentisti e son difficili da trovare quando l’acqua fiotta allegra in casa… per cui il mio consiglio per il tuo bigliettino è: “brochurista, dental coach e plumber consultant”… secondo me spacchi!

      Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...