Il 2020 è stato Muhammad Ali che ci ha “suonato” per benino.

muhammad-ali-mette-ko-sonny-liston-in-1965.
Cassius Clay Muhammad Ali mette ko Sonny Liston. 1965

Per alcuni è stato un vero e proprio KO.

Fortunatamente e consapevolmente il sottoscritto è stato sempre sulla difensiva. Non si è mai scoperto e ha schivato i colpi portati con subdola pervasività dal Coronavirus.

Gli impegni della routine domestica, sempre più gravosi però, mi hanno sottratto così tanto tempo che ho dovuto sacrificare la mia attività sul blog. E purtroppo la situazione non cambierà di molto in futuro: almeno finché l’ultimo élan vital darà forza alla mia cara fragile impauritissima mamma.

Continua a leggere
Pubblicato in Etcetera, Parole | Contrassegnato , , | 4 commenti

Prova

Ci siamo, ma senza pubblicità.

Pubblicato in Uncategorized | 2 commenti

Parole che passano. Parole che restano.

Chi fa il mio mestiere, che è quello di scrivere per le aziende, per i marchi, per il commercio, è abituato a creare testi che hanno vita breve. Messaggi (e immagini) a obsolescenza programmata che, quando va bene, durano qualche settimana, qualche mese, qualche anno. Nei rari casi più fortunati, qualche decennio.

Io ricordo ancora slogan (e key visual) del periodo di Carosello. Per esempio ricordo: Timex funziona sempre (il pugno con l’orologio), Kraft Cose buone dal mondo, Olio Sasso… la pancia non c’è più, Ovomaltina dà forza. Roba dell’era giurassica che indelebilmente si è sedimentata nella mia memoria di ragazzino.

vittorio sereni la pubblicità 1960

Qual è oggi il “colore” della pubblicità?

Oggi, le parole che scegliamo per i nostri clienti devono fronteggiare tempi sempre più veloci, compressi, algoritmici, sia nella fase di creazione/produzione sia, soprattutto, nella fase di lettura/fruizione. Continua a leggere

Pubblicato in Idee, Parole | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento